giovedì 5 luglio 2012

Il Transatlantico leggendario...

R.M.S. Titanic


Un secolo fa, nella notte tra il 14 e il 15 aprile 1912, durante il suo viaggio inaugurale, il Titanic urtò contro un iceberg, spezzandosi nel giro di poche ore, sparendo nell'immensità buia dell'Atlantico per sempre...
Sotto un cielo tappezzato da miliardi di stelle, ma senza Luna...
il Titanic uscì di scena cosi come vi era entrato, restando indelebile nella storia!
Quella nave "inaffondabile" giace a circa 4000 metri sotto la superficie del mare adagiata con tutta la sua superba maestosità, quasi a simboleggiare la sovranità che da cent'anni, oggi e per sempre avrà sull'oceano!
Da un secolo il Titanic è una magnifica ossessione per studiosi, uomini di mare, esperti, ma anche per ragazzi comuni come me che ne sono affascinati incondizionatamente XD


L'idea del Titanic partì una sera di luglio del 1907 in un incontro tra William James Pirrie, presidente del cantiere Harland&Wolf, e J. Bruce Ismay, presidente della White Star Line. Quest'ultimo infatti commissionò al cantiere la costruzione di 3 navi appartenenti alla classe Olympic, con le quali poter competere sulla rotta transoceanica con la rivale Cunard Line. Il progetto fu dapprima abbozzato dallo stesso Pirrie, realizzato effettivamente poi dal cognato Alexander Carlise e dal nipote Thomas Andrews. Le idee di Ismay prevedevano la costruzione di macchine gigantesche e puntava principalmente su lusso ed eleganza, anzichè sulla velocità...Fu infatti proprio lui a non avallare le gru progettate da Andrews che avrebbero potuto portare 64 scialuppe, temendo che la vista di quest'ultime avrebbe allarmato i passeggeri sulla sicurezza della nave...anche perchè punto forte di queste nuove navi era l'innovazione dei compartimenti stagni in cui erano divisi gli scafi. Fu per questo che al Titanic fu attribuito il titolo di "Nave inaffondabile".....


La costruzione ebbe inizio nei nuovi bacini di carenaggio dei cantieri H&W nell'Irlanda del nord a Belfast, costruiti appositamente per accogliere l'enorme mole di queste imbarcazioni. Migliaia di operai lavorarono per circa tre anni per predisporre chiglia, scafo, caldaie, motori e arredi. Oltre due anni dopo la posa della chiglia, il mondo intero vide il più grande oggetto galleggiante scivolare in acqua tra stupore di migliaia di spettatori, meraviglia e la nascita di tanti sogni ed nuove aspirazioni!
Il Titanic partì da Belfast per arrivare a Southampton il 10 aprile del 1912 dove ebbe inizio lo spettacolo del viaggio inaugurale. Alle 12.00 il capitano di grande esperienza Edward J. Smith levò l'ancora, ordino di accendere i motori e il potentissimo fischio della nave risuonò nell'aria...Il Titanic era partito...


Ma già alla partenza si sfiorò la tragedia: infatti per un pelo il Titanic non entrò in collisione con la nave NewYork, anch'essa in manovra nel porto...
Scalo a Cherbourg in Francia e Queenstown in Irlanda prima di fare rotta per New York City, verso l'oceano Atlantico.
Il lusso a bordo non aveva pari e i passeggeri di prima classe restarono esterrefatti dal comfort e lo sfarzo delle cabine, di saloni e ristoranti...







 A bordo non mancava nulla: palestra, bagno turco, piscina coperta, campo di squash...Tutto brillava tra sculture e decori, rivestimenti di quercia e rifiniture di ferro ed ottone, vestrate in stile Versailles e cupole immense!
Anche la seconda classe godeva di un arredamento confortevole e curato nei dettagli, un pò meno la terza classe ma comunque, rispetto ad altre navi dell'epoca, per tutti gli emigranti in cerca di un nuovo futuro, era davvero accogliente!





 Il viaggio filò liscio, tra cene, serate di gala e passeggiate sui ponti spaziosi della nave...Un sogno?? Si lo era... ma come tutti i sogni prima o poi svaniscono.......
Nella notte del 14 aprile 1912, nonostante i numerosi avvisi di presenza di ghiaccio sulla sua rotta, il Titanic navigava tranquillo a 21 nodi circa su un mare piatto e sereno. Ma dalla coffa l'allarme di un enorme iceberg dritto davanti alla nave gelò il sangue nelle vene degli ufficiali che erano sul ponte...La drastica virata e l'indietro tutta servì a poco, la nave colpi la montagna di ghiaccio strisciando e squarciando la fiancata destra, allagando 5 compartimenti. Il destino della nave fu segnato!



 Il seguito è ben noto a tutti, l'inabissamento della prua iniziò lentamente mentre tra i passeggieri, dopo un iniziale calma apparente, si stava già diffondendo il panico...Le scialuppe bastavano per circa la metà dei 2200 passeggeri e non tutte furono riempite adeguatamente. Ciò accadde anche perchè molte persone credevano che altre navi sarebbero giunte in soccorso ma...il Titanic era lì in mezzo al nulla da solo, e stava scomparendo nel buio!




Le fasi finali dell'affondamento furono le più disastrose: il Titanic si inclinò e l'enorme tensione che si venne a creare fece spezzare lo scafo in due, e quindi l'inabissamento fu questione di minuti...
A migliaia le persone in acqua morirono per il gelo o per annegamento.
Qualche ora più tardi l'unica nave che aveva risposto all'SOS, la Carpathia, arrivò sul luogo del naufragio dove del Titanic non vi era più traccia; solo rottami che galleggiavano tra centinaia di corpi...Furono circa 700 le persone recuperate dalle scialuppe e trasportate a New York... La notizia sconvolse il mondo intero, "l'inaffondabile era affondato"! E così ambizioni e sogni furono stroncati prima ancora di nascere!

Scheda Tecnica
Costruttore: Harland & Wolf
Armatore: White Star Line
Varo: 31 maggio 1911
Lunghezza: 269 mt.
Larghezza: 28 mt.
Velocità: 23 nodi (42 km/h)
Capacità: 3547 persone (2687 passeggeri 860 equipaggio)



Alla prossima da Transatlantic Era!

Nessun commento:

Posta un commento